L'erba del vicino non è sempre più verde

Storie dal vicinato

Varie ed eventuali: vicini particolari, luoghi geografici e animali trascurati

Vorrei elencare anch’io la crème dei miei VDI, che negli anni hanno deliziato il mio tempo trascorso a casa:
– l’ubriacone ladruncolo di moto che veniva pizzicato una volta sì e l’altra pure, ogni volta processato per direttissima e messo ai domiciliari.

Appartamento con un terrazzino affacciato su un cortile insieme ad altri 4 palazzi, ognuno di 5-6 piani. E ogni notte, per anni, ci ha deliziato con festini tenuti sul suddetto terrazzino, insieme a moglie ubriacona anch’essa e amici delinquenti.

Casino tutta la notte fino all’alba, tutte le notti. Ogni tanto uscivano tutti insieme e lui veniva puntualmente beccato, denunciato per evasione, ri-processato, rimesso ai domiciliari. Lo chiamavamo C**o, non so se fosse il suo vero nome, ma nel circondario, a distanza di anni, tutti si ricordano di lui.

– cambio di città e di regione. Piccolo appartamentino in un mega palazzone di una trentina di interni moltiplicati per 5 scale. E ovviamente la pazza furiosa, vittima di una mai curata depressione post-partum (il pargolo aveva ormai 2 anni e lei, 44enne, non poteva tener testa) ce la becchiamo noi sulle corna.

Mobili sbattuti per terra, urla al bambino, a noi e a tutto il creato, schifezze lanciate dal balcone. Il marito usciva di casa tutti i giorni alle 6 e mezza e rientrava la sera. E in sua assenza iniziava, puntuale come una maledizione, lo show.

Ecco un altro VDI:   Dalla Carinzia con stupore

Il giorno in cui, dopo 9 mesi di agonia, il proprietario li ha cacciati via, lei ci ha lanciato delle uova sul balcone. Il marito ha provato a scusarsi e dirci che avrebbe ripulito, ma abbiamo ritenuto che il suo pegno lo avrebbe già pagato negli anni a venire.

– ci trasferiamo in una villetta bifamiliare, in una zona il cui nomignolo “triangolo della mafia” in provincia di Palermo avrebbe dovuto darci qualche indicazione. Ma noi, foresti del nord, non credevamo alle leggende. Oltretutto si trattava di una villetta veramente splendida, situata a 5 minuti a piedi dal mare, con un piccolo giardino privato e un bellissimo terrazzo vista mare.

In un gruppetto di 5 villette bifamiliari, affacciate sulla stessa stradina privata. il fatto che queste villette, costruite abusivamente, insieme ad altre 30 variamente dislocate nel comune, dal padre di un ex sindaco, che durante il mandato le aveva condonato tutte è un dettaglio secondario.

Come hanno preso coscienza della nostra esistenza, abbiamo iniziato ad essere presenze fastidiose, quindi sono iniziati piccoli dispetti, via via di entità crescente. Siamo scappati dopo un anno e mezzo, nel timore di vederci dar fuoco alle auto o venire pestati dalla brava gente dei dintorni tornando a casa la sera.

Ecco un altro VDI:   Lo zucchero della vendetta

– dopo varie vicissitudini, di varia entità, abbiamo comprato casa. Ecco, le persone come noi, NON DEVONO MAI COMPRARE CASA. Ci sono individui destinati ad avere VDI e, quando ti rendi conto di far parte del club, non devi mai impegnarti con un mutuo!

La casa in questione è una villetta indipendente in collina con 1500 mq di terreno circostante, quindi l’idea è che fosse sufficientemente distante dai vicini. Invece siamo circondati: sul lato sud ed est due vecchiacci over 80 dal fiammifero facile che ci intossicano bruciando nel punto più vicino a casa nostra, che incidentalmente rimane più in alto dei loro terreni, quindi tutto il fumo ce lo becchiamo.
E lo fanno spesso, in qualsiasi periodo dell’anno a qualsiasi ora.

Sul lato ovest una banda di muratori che hanno comprato all’asta una casetta bifamiliare diroccata, circondata da 3000mq di bosco: sono arrivati, hanno abbattuto tutti gli alberi che c’erano (alla faccia dei vincoli paesaggistici), uno dei quali caduto sulla nostra recinzione, sfasciando pali, rete e siepi. Ovviamente nessun risarcimento ma minacce se avessimo denunciato l’accaduto.

Ecco un altro VDI:   Le cronache di Faustino - Parte 3 (Il radioamatore)

Quindi gli stessi fenomeni, che non vivono ancora lì, hanno mollato un cane legato alla catena da gennaio ad oggi, sta poveretta questo inverno rischiava di crepare dal freddo (una simil pitbull, quindi cani senza sottopelo), ha avuto dei cuccioli che quei bastardi dei padroni nemmeno si sono accorti che ci fossero perché si facevano vedere 1 o 2 volte al mese.

Alcuni vicini, accorgendosi della situazione, hanno iniziato a portarle da mangiare e hanno allertato le forze dell’ordine che non hanno mai fatto nulla. Ora gli 8-9 cani, alle 5-6 iniziano ad abbaiare e quando fa buio riattaccano anche fino alle 3-4 di notte.

Ormai penso che sia impossibile trovare una casa dove poter vivere in tranquillità senza psicopatici, incivili e delinquenti intorno…e abbiamo un mutuo che finiremo di pagare a novembre del 2050!

Lascia una risposta