L'erba del vicino non è sempre più verde

Storie dal vicinato

Saranno stati i lupi

Abito in campagna, in una casa singola. Ho due vicini di casa, a 50 e 200 metri, coi quali condividiamo uno stradello bianco.

La mia casa è la prima che si incontra, poi c’è quella di un signore da solo, tranquillissimo, e infine quella del VDI, che è l’ultima in fondo allo stradello.

Il VDI mi tiene il muso da quando non ho potuto spalare la neve dallo stradello a gennaio perché avevo il Covid e 39 di febbre.

Il VDI ha una passione viscerale, e oserei dire quasi carnale, con lo stradello in ghiaia in comune. Lo cura amorevolmente, mette sabbia e cemento a intervalli regolari, minaccia di morte i ragazzi (tra i quali i miei figli) che andando in bici fanno le sgommate nella ghiaia, e come ultima e meravigliosa trovata, mi sgrida perché le mie galline, scappate dal loro recinto, fanno il bagno di sabbia sulla preziosissima ghiaia della strada.

La discussione è andata più o meno così:
VDI: guarda, le galline razzano nella sabbia.
Io: sì scusa, mi sono scappate, come posso rimediare?
VDI: spargono tutta la sabbia, il cemento crepa e si crea la buca, servono quattro sacchi di cemento per sistemare.
Io: …scusa, le galline hanno spaccato il cemento?
VDI: guarda, vedi dove c’è il solco? Sono state le galline.
Io: scusa, te lo chiedo di nuovo, le galline hanno spaccato il cemento? (Quando lui e sua moglie passano 4-6 volte al giorno coi loro SUV da 3000 kg senza fare danni evidentemente).

Ecco un altro VDI:   Il parcheggio

Il VDI si gira e se ne va borbottando: eh, saranno stati i lupi!
E se ne va mentre io continuo a chiedergli di non prendermi in giro e di parlare seriamente con me, ovviamente senza degnarsi di rispondermi.

E niente, il punto è che non importa quanto tu ti allontani dalla città e dai condomini, perché troverai sempre un VDI.

Lascia una risposta