L'erba del vicino non è sempre più verde

Storie dal vicinato

Il benaltrismo dei vicini

Piccolo aneddoto decontestualizzato che fa parte di una dinamica troppo grande da raccontare.

Vivo in un quartiere all’estrema periferia di Roma dove sono praticamente l’unica a non avere un cane e la maggior parte di chi ce l’ha non è un proprietario responsabile.
Premessa: ci sono 2 aree cani deserte mentre non solo le vie del quartiere pullulano di cani senza guinzaglio e proprietari al cellulare, ma il parco con i giochi dedicati ai bambini è diventato praticamente un’area cani, e quando la cosa viene fatta presente sui gruppi fb (dai quali ormai sono bannata) tutti rispondono con i “benaltri” problemi, cioè dicendo che i cani sono pelosetti pieni d’amore, che se il bambino ha paura è colpa del genitore perché tanto i cani sono buoni e non mordono e che la cacca dei pelosetti è biodegradabile e i rifiuti che stanno a terra no, quindi “perché non vi lamentate della sporcizia invece di fissarvi sui cani?”.

Ora che avete capito la mentalità della gente di qui, vi espongo il mio problema: cani dei vicini che abbaiano molto molto forte a tutte le ore, specialmente tra le 23 e le 6 di mattina, dormono dopo. Cani che ovviamente non stanno dentro casa nonostante il caldo.
Ho provato a parlare con i diretti interessati e ho ricevuto insulti ed istigazioni al suicidio.
Ho fatto un esposto descrivendo e provando le condizioni di un cane in particolare, nessun riscontro.

Ecco un altro VDI:   32 cani

Quando chiamo i vigili mi dicono di non poter fare nulla.
I gentili vicini mi consigliano tappi per orecchie che non ho intenzione di mettere perché 1) ho problemi ATM (articolazione temporo-mandibilare) 2) in casa mia ho il diritto di dormire in pace senza mettermi nella vasca di deprivazione sensoriale di Daredevil 3) avrei bisogno di sentire altri rumori tipo sveglia, chiamate, urgenze varie tipo che ne so mi madre che sta infartando.

Beh insomma, per far capire loro questo concetto ho deciso per un periodo di uscire e attaccarmi al citofono quando il loro cane abbaiava alle 4/5 di mattina. Ho ottenuto una bella diffida a cui ho prontamente risposto consigliando l’utilizzo dei tappi per orecchie e si sono davvero infuriati dicendo che non devo permettermi di limitare la loro libertà con i suddetti tappi.
Cosa fareste voi a parte una strage con l’AK-47?

Lascia una risposta