L'erba del vicino non è sempre più verde

Storie dal vicinato

Gli spostamobili – Parte 2

Dopo i 10 anni di mobili spostati ad orari improponibili, e di una ragazzina che galoppava per casa con scarpe di piombo a giudicare dal rumore (mi ero scordato di aggiungerlo nel post precedente) si trasferirono e al loro posto è arrivata la sorella con famiglia.

Lo spostamento mobili deve essere un tratto di famiglia perché anche loro il primo periodo hanno fatto lo stesso. Il bello, tuttavia, è stato durante la seconda quarantena.

Il figlio di nascosto invitava i compagni di classe in casa quando i suoi andavano a lavorare. Facevano un macello assurdo, al punto che siamo saliti diverse volte perché non riuscivamo a studiare né a fare altro.
Con le lamentele tra amministratrice e condomini arrivava solita solfa: “Lì non ci sta nessuno”.

Chiamammo il fratello per fare presente e lui: “Loro devono vivere, non devono stare immobili per voi”.

Un giorno i rumori si fecero troppo molesti e la loro vicina, un’insegnante in DAD, fu costretta a fermare la lezione. Venne da noi e chiese manforte per chiamare insieme l’amministratrice (la tentazione di dire “ma non c’è nessuno” è stata forte).

Ecco un altro VDI:   Sono in una candid camera per caso?

Lì la nostra amministratrice si mosse e i rumori da allora sono diminuiti. A volte.

Lascia una risposta