L'erba del vicino non è sempre più verde

Storie dal vicinato

Festini delle belve

I miei vicini del piano di sotto alle 12.45 di domenica ci hanno mandato un messaggio degno del libro cuore in cui lamentavano il fatto che, cosa stranissima, avessimo passato l’aspirapolvere.

Dicono che la loro neonata si sia svegliata a causa del rumore, resta per noi un mistero sapere come l’infante lo abbia comunicato ai genitori pancini.

Dicono che non si potrebbe sopportare il rumore neanche con i tappi per le orecchie, che arrivano continui rumori dal nostro appartamento.
Considerato il fatto che lavoriamo e passiamo a casa pochissimo tempo abbiamo pensato che gli animali domestici abbiano organizzato festini in nostra assenza ma le belve negano categoricamente.

Negli ultimi tempi è stato un continuo:  scampanellate se alle 8 di sera ci cade qualcosa a terra, molliche lasciate sul nostro tappeto (sopra di noi ci sono 4 piani, la certezza che sia roba nostra si basa sulle stesse ipotesi per cui il neonato si sveglia a causa nostra), lamentele per acqua (che casca anche sul nostro balcone perché viene dal piano superiore), minacce di denuncia per violazioni mai codificate da nessun legislatore, sono arrivati a chiederci di smettere di usare il trapano che stavano usando al piano superiore.

Ecco un altro VDI:   La musica a tutto volume

Abbiamo deciso che alla prossima facciamo una denuncia per stalking, chi non ha spirito di adattamento dovrebbe vivere in un eremo.

Gli ho lasciato dei tappi per le orecchie sull’uscio di casa con un biglietto: “questa volta i dpi li offriamo noi, alla prossima organizzatevi”.

Non conosciamo arma migliore dell’ironia cari vicini!

Lascia una risposta