L'erba del vicino non è sempre più verde

Storie dal vicinato, Vicini chiassosi

Fantasie

Questa è una storia a lieto fine.

Ero nel mio letto alle 2.15 del mattino ad occhi aperti perché impossibile dormire col casino che veniva dal piano di sopra dove due conviventi ventenni avevano organizzato l’ennesima festa tra amici.

A nulla sono valse le mie proteste degli ultimi 5 mesi e credo che, visti i miei disonorevoli 40anni, ormai mi considerino solo l’ennesima boomer che odia i giovani. Ma che ne sanno loro di cosa ho passato io?

Il punto è che io, l’unica cosa che odio, è questo posto dove sono stata costretta a trasferirmi dopo aver perso la mia casa. La mia bella, silenziosa e privata casa dove ho vissuto tutta la vita e l’unico posto che amavo davvero. Vedevo le montagne dalla finestra e venivo svegliata dagli uccellini (maledette tortore a volte) e dai cani del vicino che però amavo come fossero miei.

E amavo anche lui, il mio vicino. Per quanto si possa amare un anziano burbero stile nonno di Heidi, ma che conoscevo da una vita e che mi ha sempre detto: “Non sei sola ok? Se hai paura chiama. Se succede qualcosa chiama. Se nevica e hai problemi a uscire con la macchina chiama.”

E adesso tutto questo l’ho perso e sono qui, in un posto dove mi sento soffocare, dove mi sento a disagio perché assolutamente non abituata alla vita di condominio. Dove tutti urlano e parcheggiano dove vogliono. Dove tutto ciò che faccio è sotto gli occhi di tutti (cosa che detesto) e dove tutto quello che fanno gli altri lo vengo a sapere causa muri sottili (che è una cosa che se possibile detesto ancora di più!)

Ecco un altro VDI:   It Alert
continua su pagina 2

  1. Daniele

    Chiunque tu sia… Sai scrivere! C@zz0 se sai scrivere
    Ho letto libri da classifica scritti mooooolto peggio

Lascia una risposta