L'erba del vicino non è sempre più verde

Storie dal vicinato

Empatia portami via – Parte 1

Nella giornata di ieri vengo ricoverata in pronto soccorso ostetrico e, all’ottavo mese, mi viene diagnosticata una gravidanza a rischio. Sono stata 8 ore in PS.

Sono piena di dolori, fatico a respirare e a camminare, torno a casa e trovo la mia piccola di due anni impestata di raffreddore fin sopra i capelli e con un mal di testa tremendo.
Mio marito è un angelo, mi aiuta in tutto, ma la notte quando la bambina sta male, è me che vuole.

La piccolina si addormenta alle 21.30, ma dopo un’oretta comincia a piangere disperata; soffre di una patologia che, unita al raffreddore, porta a mal di testa e sangue dal naso a fiumi. ù
Cerco di tranquillizzarla, di darle le medicine per farla stare meglio (a scadenza ogni 6 ore).

Lei piange una decina di minuti, nel mentre anche a me viene il raffreddore di quelli brutti, che devi soffiarti il naso ogni tre secondi.

La nottata passa fra mia figlia che ogni due ore si sveglia piangendo e sanguinando come un maialino al macello, ed io che mi soffio il naso grugnendo dal dolore per ogni volta che mi sforzo per soffiare e tossire, sono coltellate alla schiena ed al ventre.

Ecco un altro VDI:   La vita è un cerchio

Comprendo benissimo che abbiamo fatto rumore pur cambiando stanze, sicuramente i vicini hanno sentito, siamo in una villetta a schiera.

Ma mentre i vicini da un lato sono comprensivi, quelli dall’altro è un anno e mezzo che ci perseguitano: ad ogni minimo rumore dopo le 22 (la patologia di mia figlia la porta anche a non riuscire a dormire ed abbiamo dovuto cominciare a darle “un aiuto” al compimento dei due anni) ce la fanno pagare.

Per un anno e mezzo ci hanno mandato lettere dall’avvocato perché spostiamo i mobili (tutti fissati al muro, ma la cosa “divertente” è che la prima lamentela di questo tipo è arrivata quando, causa Covid, noi non avevamo nemmeno un mobile in casa, mangiavamo a terra e dormivamo su un materasso gonfiabile, per TRE MESI); secondo loro sbattiamo le ante degli armadi continuamente (sono tutte ammortizzate, TUTTE, persino le tavolette del cesso lo sono), giochiamo a palla in casa (ho molta cristalleria e sono una maniaca del pulito, figurati se permetto ad una bambina di due anni di giocare a palla in casa, avendo un bel giardinetto).

Dulcis in fundo, ci PERMETTIAMO di chiudere le persiane alle 22 e tirare lo sciacquone del gabinetto di notte se andiamo a fare pipì (ricordo che sono una donna incinta)

Ecco un altro VDI:   Il parco giochi abusivo

Detto ciò, loro ad ogni minimo sgarro, ma anche se non facciamo nulla e loro si convincono che siamo noi a produrre il rumore del camioncino della spazzatura o dal cantiere che abbiamo letteralmente a 500 metri, la mattina dopo, alle 7.30/8.00, ci puniscono lanciando le persiane, sbattendo con la scopa contro il muro per venti minuti ed in fine mettendo la musica a palla per TUTTO IL GIORNO.

Ecco, ora, unendo la descrizione degli eventi di questa notte a cavallo fra venerdì e sabato a quella del calvario che stiamo vivendo, dopo un mese di pausa tortura (dato che da un anno e mezzo fanno questa tiritera), a causa dello stare male di mia figlia, oggi hanno ricominciato.

Hanno messo a palla musica truzza, hanno sbattuto contro il muro, hanno lanciato le persiane. Noi sopportiamo mentre tiriamo via le lenzuola sporche di sangue di mia figlia; abbiamo chiamato i carabinieri molte volte e ci hanno detto “signori e che dovremmo fare” rifiutandosi di prendere la denuncia.

A breve, se il cielo vorrà, arriverà il secondo bimbo. Ho paura a pensare alle conseguenze se fosse un bimbo che soffre di coliche. Non possiamo vendere, l’unica cosa che possiamo fare è vincere il SuperEnalotto e scappare da qui.

Ecco un altro VDI:   Sodoma odierna

Vorrei aggiungere a tutto questo, che la prima ed unica volta in cui ci siamo confrontati verbalmente, loro ci hanno esplicitamente detto che a dare loro fastidio è nostra figlia (prima dei due anni non potevamo darle il medicinale per farla dormire), che avremmo dovuto chiuderla in macchina o in cantina quando piangeva perché loro non riuscivano a dormire (per dire, il loro “limite” era alle 22, mia figlia crollava per le 22.30 (solo raramente più tardi) pur alzandosi alle 7 della mattina e non dormendo il pomeriggio.

Il giorno che ci siamo trasferiti, addirittura hanno minacciato di picchiare ed uccidere mio marito.

Noi sappiamo che loro parlano male di noi a chiunque lo ascolti, ma loro sono famosi per essere dei rompiscatole che hanno avuto da ridire e litigare con tutti, che hanno alzato le mani e creato problemi e mandato lettere dell’avvocato a chiunque per qualunque motivo.

Il vicinato ci fa le condoglianze ogni volta che ci incrocia.

Lascia una risposta