L'erba del vicino non è sempre più verde

Storie dal vicinato

Dominic Torello e il porno serale

Avevo già parlato in più occasioni del mio vicino Dominic Torello.

Per chi non lo conoscesse Dominic è un mix tra Steven Seagal e Homer Simpson con due passioni: il cibo e il drifting.

Ma non è delle prodezze automobilistiche, eseguite in una vita vissuta un quarto di drift alla volta, che voglio raccontare.

Dominic vive al piano di sotto, il primo appartamento che si trova appena varcato il portoncino d’ingresso.

Vive con la sua Letty da molti anni ed è consuetudine sentirli litigare quando sono in salotto in quanto le loro grida rimbombano nel vano scale.

Non ho mai capito, e non mi è mai interessato, il motivo di tanti litigi: più che altro discussioni a voce alta, ma sempre nei limiti del tollerabile e del rispetto. Nessuna violenza palesata insomma, né verbale, né tantomeno fisica.

Spesso poi nel giro di poche ore passano dal litigio alla risata sguaiata..

Di certo non sono dei vicini silenziosi o che passano inosservati.

Ecco un altro VDI:   Le imprecazioni

Qualche settimana fa rientravo a casa verso le 22.00, zoppicante in quanto con una caviglia gonfia. Sono entrato nel portone e ho sentito delle voci provenire dal loro appartamento. Staranno litigando, ho pensato.

Per la prima volta, forse il silenzio dell’orario, forse un po’ incuriosito, ho provato a prestare attenzione alle parole mentre aspettavo l’ascensore tenuto occupato dal tizio dell’ultimo piano che stava scaricando, credo, l’intero magazzino dell’ikea.

Sto per rinunciare all’attesa dell’ascensore quando sento dall’appartamento di Dominic:

⁃ “Cavate le mudande e girate” (togliti le mutande e girati)

Oh cazzo ma ho sentito bene?

⁃ “Desso te devi fare come quea li del video” (adesso devi fare come quella lì del video)

Il sottofondo Tv era chiaramente una scena erotica o pornografica..

⁃ “Brava, desso te me monti dosso…. no pian, sta tenta che te me schissi i cojoni” (Brava adesso mi sali sopra… no piano stai attenta che mi schiacci i gioielli di famiglia)..

⁃ “Ecco, brava, così, sù e zsò … – bestemmia- co ste panse non riussimo far tutto, dovem smagrarse tuti dò, – bestemmia, bestemmia, verso di godimento. (Ecco brava, su e giù -bestemmia – con queste pance non riusciamo a fare tutto, dobbiamo dimagrire entrambi).

Ecco un altro VDI:   Ombra sarda

Non capisco bene ciò che dice Letty in quanto parla con un tono più basso, ma è sufficiente per capire più o meno la situazione.

Dominic e Letty, non stanno litigando, ma ispirati da un film/video stanno emulando le gesta dei protagonisti del video.

Nessun gemito, nessun sospiro, forse qualche verso confuso con quelli della TV, l’unica cosa comprensibile è la voce di Dominic che sembra, più che un amante, un capo cantiere, un direttore dei lavori o qualcosa di simile.

In quel momento quindi mi sento voyeurell : mezzo voyeur e mezzo umarell.

Rimanere lì mi stava creando comunque del disagio, non ho aspettato l’ascensore, ho preso le scale e sono rientrato a casa.

Mi è dispiaciuto in qualche modo invadere il loro, seppur bizzarro, momento di erotismo.

Cinquanta sfumature di drift.

Poi il senso di colpa è svanito, sono guarito e sono rientrato nei miei panni di quel cazzo di vicino che scrive i post sui propri condomini…

Ecco un altro VDI:   Kar(ma)ledetto

#unavitaadepisodi

**Storia pubblicata con l’autorizzazione del genio di Massimo Atzeni 

Lascia una risposta