L'erba del vicino non è sempre più verde

Storie dal vicinato, Vicini spia, vicini violenti

Vero infame

Quando vi lamentate dei vicini infami pensate a quello che capitò a mia nonna.

È il 1944, un giovane milite della GNR (Guardia Nazionale Repubblicana) che fa da interprete ai tedeschi che occupano il paesino, ruba un paio di pantaloni e una camicia stesi al sole, butta la divisa alle ortiche e si dà alla macchia.

Tedeschi e fascisti lo cercano, un vicino infame gli va a dire che mia nonna lo ha aiutato.

I tedeschi arrivano e senza troppe cerimonie mettono mia nonna, le sue due figlie di 10 e 4 anni e il mio bisnonno al muro.

Non vengono fucilati soltanto perché arriva un sottufficiale altoatesino, incazzato nero, che prende a calci in culo il vicino infame e ne dice di tutti i colori agli aspiranti fucilatori.

Il bastardo continua a fare la spia ancora per qualche mese, arrivando a vendersi 20 compaesani che vengono poi usati come scudi umani durante un rastrellamento antipartigiano.

Passato il fronte e fuggiti i tedeschi lo ritrovano in un fosso, ammazzato a colpi di forcone nella pancia.

Ecco un altro VDI:   Vicino a luci rosse

Lascia una risposta