L'erba del vicino non è sempre più verde

Storie dal vicinato

Dammi tre parole: vicini, fioriere, litigi

I vicini hanno due balconi, ma i vasi li mettono solo in quello soprastante al mio (l’altro sta sopra all’amica della loro padrona di casa).

La prima volta hanno fatto scolare il sangue di bue (concime liquido nero) da un foro che hanno sul bordo da cui è scolato macchiando di brutto il marmo del mio, e che avevo appena finito di pulire con tanto di mezz’ora impiegata. Per cui credo proprio mi avessero visto.

Avvisati con tutto il garbo possibile, dopo qualche giorno ho trovato l’acqua marrone dei vasi.
Non dico loro nulla, ma la cosa continua ad andare avanti fino a stamattina.

Le loro fioriere sono agganciate nella parte interna in modo che, scolando via, l’acqua finisca proprio sul marmo (ripeto: non più bianco, ma a questo punto dopo tanti anni divenuto fra color avorio e cappuccino).

Non è che ogni due giorni io devo ricordarmi di passare lo straccio per riparare le loro ca**ate, tra l’altro non sono neanche il proprietario.

Ecco un altro VDI:   La benzina

Le fioriere agganciate verso l’esterno scolerebbero al suolo (dove è raro che passi qualcuno). Considerando che li
abbiamo anche troppo sopportati per il continuo frastuono che fanno, direi che possiamo catalogarli come aspiranti “vicini di me**a”.

Lascia una risposta