L'erba del vicino non è sempre più verde

Storie dal vicinato

Coda di paglia?

Da quando mi sono trasferita a marzo non ho avuto alcun tipo di problemi con i vicini, se non col famoso vicino al piano sotto al mio che si lamenta del rumore dello sciacquone. Da un po’ di tempo, però, avverto ostilità da parte di alcuni.

Casa mia si trova davanti al mare, ma nella parte interna dà su delle stradine strette dove la gente fa quello che vuole, dal gettare acqua dal balcone a fare cortile seduti davanti alle porte (anche la notte). È capitato che abbia chiesto a queste persone semplicemente di abbassare il volume della voce perché o era orario di riposo o era notte fonda. Loro mi hanno totalmente lasciata sbattere. Ieri ho pulito la scala di casa mia, la pulisco io perché è una palazzina piccola dove abitiamo solo io e mia zia. Mia zia mi dice di gettare l’acqua nel tombino poco più avanti al mio portone perché tutti fanno così. Ok, faccio così, inoltre la getto anche un po’ davanti il portone perché qualche stronzo di padrone ha fatto defecare il cane davanti l’uscio della porta (sospetto sia stata la stessa signora che mi lascia sbattere quando le chiedo di abbassare il volume della voce).

Ecco un altro VDI:   La nobile arte di rompere il ca**o

Stamattina mia zia mi dice che codesta signora ha fatto il bordello a mia zia perché io ho gettato l’acqua per terra e non direttamente sul tombino, creando delle pozzanghere che non le hanno permesso di stare la sera giù con le sdraio a chiacchierare con le altre signore. Mia zia ha replicato dicendo che io l’ho fatto per pulire l’uscio del mio portone dato che qualche maleducato ha fatto defecare il cane proprio lì. La signora si è sentita offesa e accusata da questa affermazione di mia zia. Che dite, che ha il carbone bagnato? Io comunque sicuramente la prossima volta mi preoccuperò di fare andare l’acqua direttamente sul tombino ma se trovo di nuovo sorpresine davanti casa giuro che la raccolgo e la metto nel suo, di uscio.

Lascia una risposta