L'erba del vicino non è sempre più verde

Storie dal vicinato, Vicini e fatti divertenti, vicini incivili

Pennuti mannari

Nonostante i miei anni da abitante di condominio siano stati lunghi e tormentati da vicini tremendi, per un breve periodo la vicina da incubo sono stata io.

Da sempre appassionata di animali, alla baldanzosa età di 14 anni, convinco la mia convivente madre che adottare due quaglie giapponesi sia il mio più grande sogno nel cassetto, perciò ‘sta povera e folle donna per farmi felice acconsente.

La prima settimana di vita con suddetti mini polli va benissimo, son piccole e carine, tutte da coccolare.

La seconda settimana si scoprono entrambe maschi quindi da teneri polli diventano feroci galli da guerra, per cui li dividiamo e torna la pace.

La terza settimana i due galli si scoprono in realtà lupi mannari sotto effetto di luna piena, tanto che appena spenta la luce la sera iniziano i cori di ululati assordanti.

Ancora non concepisco come cosini così piccini potessero cacciare simili urli, che manco un cantante lirico all’apice della carriera può avere ‘sti polmoni.

Ecco un altro VDI:   Adolescenti e trap

Comunque dopo una settimana di tentativi in cui abbiamo cercato di zittire i pargoletti pennuti mannari, in ogni modo, incontro il vicino sulle scale che, porconando allegramente, minaccia di morte il proprietario di quello crede sia “nuovo cane comparso in condominio” che da una settimana a quella parte ulula disperatamente.

Gli ho risposto che aveva ragione e che se lo avesse trovato lo avrei aiutato con gli insulti.

Il giorno stesso i miei lupi alati son stati portati in un luogo a loro consono, decretando la mia ascesa nell’Olimpo dei vicini di m.

È durata poco ma è stato un onore servire le oscure file!

Via con gli ulul… ehm insulti!

Lascia una risposta