L'erba del vicino non è sempre più verde

Storie dal vicinato, vicini incivili, vicini violenti

La pancina aggressiva

Due anni fa – ora ho cambiato casa – abitavo in un palazzo tranquillo, dominato soltanto da una famiglia litigiosa e ignorante, di quelle che trovano ogni pretesto per urlare contro gli altri condomini e giocare la carta della vittima quando vengono messe di fronte alle responsabilità.

Lui un rozzo imbecille, lei una pancina aggressiva. Un giorno il loro figlio, un adorabile ragazzino di 6 anni, stava giocando nel cortile quando è caduto facendosi molto male alla caviglia. Io, che stavo uscendo di casa, ho visto la scena e sono andata a soccorrerlo. Il bambino non riusciva ad alzarsi, quindi cercavo di calmarlo promettendogli che sarebbe arrivata la mamma.

Sì, la mamma è arrivata ma ha cominciato ad accusarmi: “Sei stata tu!”. Ha cominciato ad urlare come se fosse al mercato, insulti di ogni tipo. Il bambino ovviamente si è spaventato e ha cominciato a piangere.

Parlava come se l’avessi scannato vivo e non mi lasciava spiegare, e vi giuro che sovrastare la sua voce era impossibile. Per fortuna uno dei condomini aveva visto benissimo che il bambino si era fatto male da solo. Sceso per difendermi, si è preso gli insulti pure lui.

Ecco un altro VDI:   Pancinismo tossico

È dovuto intervenire il bambino stesso: “Mamma smettila, sono caduto da solo!”. L’isterica dopo un po’ si è rassegnata e, augurandomi ogni male, ha preso in braccio il suo bambino e se n’è andata borbottando ogni improperio.

C’è mancato poco che le mettessi le mani addosso.

Lascia una risposta