L'erba del vicino non è sempre più verde

Storie dal vicinato, vicini incivili

La libertà a senso unico

Ed eccomi di nuovo qua, per parlare di nuovo della mia vdi.

Questa volta, fortunatamente, niente profumi spray/incensi vari, ma una cosa che va molto nella cultura orientale, ovvero levarsi le scarpe prima di entrare in casa e mettersele sulla porta di casa quando si esce.

Nel pianerottolo abbiamo una nuova vicina, una ragazza sui 30, single da poco che vuole uscire sempre, quindi le frega ben poco della signora che le abita accanto.

Questa ragazza, come faccio io, non sta in casa con le scarpe che usa fuori, quindi fa il suddetto modo di fare di origine orientale.

Però alla vdi questa cosa non va, per lei c’è qualcosa di satanico dietro perché “non è normale uscire sul pianerottolo scalza e mettersi le scarpe dopo”.

Assolutamente no! Però bussa a casa mia per sparlarne anziché rivolgersi alla diretta interessata.

Io perdo tempo a dirle che non c’è niente di satanico, che lo faccio pure io e che uno è libero di fare il cavolo che vuole a casa sua e con le proprie scarpe, giusto?

Ecco un altro VDI:   Buongiorno a tutti

No! Sbagliato: la povera ragazza deve fare come dice la vdi perché a lei dà fastidio: “chissà cosa c’è dietro!”

Prima di allontanarmi con una scusa, passo diversi minuti a spiegare alla vicina che non è una cosa così anomala, che lo faccio anche io e che questo modo di fare fa anche parte di diverse culture orientali… siamo in 8 miliardi su questo pianeta e non tutti vedono la cosa come la Vdi, per fortuna…

E pensare che si tratta della stessa persona che, a causa del caldo apre la porta di casa e la sbatte contro il muro in comune con la ragazza “satanista” facendo tremare il palazzo.

Sempre la stessa che ogni notte si mette a sbattere qualcosa sul muro del bagno (in questo caso in comune con me), la stessa che ci fa saltare dallo spavento spesso, tra le 2 e le 4 di notte.

Viva la libertà a senso unico.

Lascia una risposta