L'erba del vicino non è sempre più verde

Storie dal vicinato, vicini incivili

Infame io

Il vicino infame sono io!

In una corte interna alla quale si accede tramite una servitù di passaggio da un cortile dove ci sono altre 3 “case” c’è il mio appartamento che è stato adibito a B&B prima del Covid, e nel totale disinteresse del vicinato, mi sono trovato a dover mettere l’illuminazione e collegare citofono e apri-cancello al mio contatore.

Ho provato a chiedere in giro di dividere la spesa, ma nessuno era interessato e han fatto tutti orecchie da mercante.

Insomma, attacco tutto al mio contatore e posiziono sulla linea un contatore a defalco e fine.

Qualche giorno fa ho inviato l’elettricista a staccare il tutto giacché devo affittare casa e il nuovo inquilino deve fare la voltura della luce.

Mi è stato intimato, ripeto, intimato di riattaccare tutto che altrimenti chiamano i carabinieri, esposti, denunce, avvocato etc. etc. e ovviamente sono stato apostrofato come un vicino di merda.

Mi hanno detto che la sera è buio e non si vede nulla, che il citofono non funziona e che l’apertura a pulsante del cancello non va, quindi si deve necessariamente usare la chiave.

Ecco un altro VDI:   Il camion

Questa situazione non va bene a nessuno e sono tutti incazzati, ma nessuno ha fatto il minimo accenno a contribuire agli 870 kw consumati negli anni.

Qualche consiglio?

Lascia una risposta