L'erba del vicino non è sempre più verde

Storie dal vicinato, Vicini Pazzi

I bui

Avevo 10 anni circa e quando mi mettevo a letto per dormire sentivo puntualmente delle voci che mi terrorizzavano. Ricordo queste voci con i toni “bassi” che davano la sensazione di far vibrare il letto. Li chiamavo “I BUI“.

Parlavano ma non capivo cosa dicessero; erano così spaventosi che scoppiavo a piangere e cercavo in tutti i modi di andare a dormire nel letto di mamma e papà.

La cosa strana di questi suoni è che, quando chiedevo a mamma se li sentisse, lei rispondeva sempre che non c’era alcun suono e che il mio era un pretesto per infilarmi nel lettone dei miei genitori.

Eppure io li sentivo, li sentivo distintamente, a volte più forti, a volte meno, ma non ero matta, non erano nella mia testa, come diceva mamma. Erano reali!

Tutte le volte che la chiamavo però, lei non riusciva a sentirli e io nemmeno, come se la presenza di qualcuno nella mia camera, facesse sparire quelle voci.

In certi casi mi sembrava di sentire delle parole, ma la maggior parte delle volte erano suoni che non avevano senso. Spesso, non potendo correre dai miei, rimanevo nel letto pietrificata dalla paura. Avevo paura a mettere i piedi per terra, convinta che una mano potesse afferrarmi da sotto il letto e per evitare… più di una volta mi son fatta la pipì addosso.

Ecco un altro VDI:   La soluzione? I Rammstein

La cosa è andata avanti per circa 1 anno o forse 2 (non ricordo di preciso). Non succedeva tutte le sere, ma succedeva spesso. Non ho mai capito di cosa si trattasse, ma la paura è sempre stata tanta e anche quando quelle voci smettevano di parlare, vedevo i mostri nel buio della mia cameretta. Un incubo di una bambina che mi ha creato diverse notti insonni.

continua su pagina 2

Lascia una risposta